Google+ Giuliano Lenni Weblog: Storia parecchio alternativa della letteratura italiana

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano
Si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura
biografia | incarichi
_______________________________________________________

Hotel Granducato Montepulciano | MontepulcianoHotels |
Ordine di Malta | Cisom |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Unuci| Associazione Arma Aeronautica | Omri | Anioc
________________________________________

Storia parecchio alternativa della letteratura italiana

Anche a me sarebbe piaciuto avere un'insegnante di lettere così...davvero un libro strepitoso!
A dispetto di quanto ci raccontano le antologie scolastiche, Dante rideva eccome. E bisbocciava mezzo ubriaco in osteria sfidando gli amici con rime poco ortodosse ispirate alle loro mogli. Petrarca, saputello e sempre roso dall'invidia, era amico di quel simpatico sporcaccione di Boccaccio, che amava le donne carnose e carnali e a loro dedicava le sue novelle. Amava le donne, soprattutto se sposate, anche Foscolo, che con quella sua aria imbronciata e irrisolta le conquistava una dopo l'altra. E se in molti sogghignano anche solo a sentir parlare del rapporto fra Pascoli e la sorella, forse pochi sanno che il "fanciullino" Giovanni si trasformò in un detective da fiction televisiva per risolvere il giallo della cavallina storna. E, infine, il dubbio che ha tormentato generazioni di studenti: d'Annunzio, poi, quella costola se la tolse davvero?In queste pagine ci sono tutti i big della storia della letteratura italiana, più qualche gruppo nelle Nuove proposte, come i Comico-realisti, i Futuristi, gli Scapigliati. E Carducci? No, Carducci si salta. Uno dopo l'altro, i grandi autori studiati a scuola vengono raccontati nei loro aspetti più insoliti e quotidiani, tirati giù per la giacchetta dal piedistallo e messi in mutande, fino a farli sembrare magnificamente simili a noi.Antonella Landi, professoressa di Lettere e amatissima divulgatrice radiofonica, riesce a renderli umani senza ridicolizzarli, a superare brillantemente il linguaggio polveroso della critica per metterci faccia a faccia con la potenza e la bellezza delle loro opere. E fra un aneddoto e una battuta, la passione per la letteratura finisce per travolgere il lettore proprio nel bel mezzo di una risata. Visita il blog laprofepuntoit