Google+ Giuliano Lenni Weblog: Nove racconti

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato | Aci e Walhalla | MontepulcianoHotels
L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc
___________________________________________________________________

Nove racconti


di Mario Morganti 
Vai al sito
Ripenso alla mia infanzia e ricordo che la sera, quando andavo a letto, mi accompagnava mia nonna Gesuina, che si accoccolava vicino a me e mi raccontava le novelle. Quando chiedevo che me ne raccontasse ancora un’altra mi cantava la “Novella dello stento… che dura tanto tempo…te l’a dì o te lo dirò?”. Oppure mi cantava la canzone de “La pecora e il lupo”. Allora non c’era la televisione, io ero piccolino e i “Racconti della Nonna” aleggiavano in tutte le case dove c’erano i bambini come me da mettere a letto. Ma le novelle che raccontano oggi i nonni o le persone anziane, ai giovani ed anche ai meno giovani, non sono favole, ma racconti di fatti che avvengono quotidianamente nella vita, che stimolano fantasia e la voglia di conoscere le usanze ed i costumi di una volta. Raccontare fatti, aneddoti ed episodi che accadono nella vita di tutti i giorni, rappresenta la volontà del dialogo e dell’intrattenimento, nell’ambito di un incontro o nel contesto di un ritrovo, narrando scene, avvenimenti e storielle, che durante la nostra vita ascoltiamo da personaggi particolari, che hanno vissuto molto, conservando nei cassetti della memoria le vicende trascorse ed intese durante le veglie: quegli incontri che una volta raccoglievano la famiglia o le famiglie intorno al focolare, dove si rallegravano le serate, al posto di coloro i quali oggi si raccolgono intorno a un freddo televisore. L’autore di questi “Nove racconti” è Giuliano Lenni, che da molto tempo esercita con amore e passione l’attività giornalistica, scrivendo sui giornali locali, ma anche su riviste di pregio come “Cara Montepulciano” ed altre a diffusione interregionale. L’interesse di Giuliano per gli avvenimenti locali, così come per la storia di Montepulciano, per la sua arte, per il suo ambiente ed i suoi struggenti panorami, lo tiene sempre attanagliato alla ricerca di notizie storiche, ma anche di accadimenti che riesce a raccogliere dalla memoria di anziani, conosciuti per le loro particolari doti di narratori. Coloro che durante le cene, in campagna come in città, riescono a tenere attento l’uditorio raccontando quanto udito dai racconti di altri, nelle fiere, passeggiando per le vie della città o seduti in una panchina dei giardini o su di un muretto lungo le strade. Giuliano, tra le altre sue attenzioni, ha molto interesse per la vita che si svolge a Montepulciano, sia dal punto di vista associativo, come dimostrano l’Associazione Albergatori della quale è Presidente, così come dell’Associazione Commercianti e del Consorzio Turistico, sia per altre iniziative associative a cui partecipa apportando il proprio contributo, come ad esempio il Bruscello e l’Associazione dell’Aeronautica Militare di cui è stato ufficiale nel periodo della leva. E’ Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Da due anni presiede anche il Lions Club Valdichiana I Chiari, a dimostrare il suo impegno per la beneficenza. E’ sposato ed ha una figlia: Agnese, a cui ha dedicato il libro dei Nove racconti. Dal punto di vista professionale dirige l’Albergo Granducato di proprietà della famiglia Lenni ed è tra i fondatori della Casa Editrice Thesan & Turan che edita questo volume dei “Nove racconti”. Tra le attività che pratica con amore e fantasia, c’è dunque la passione per lo scrivere ed è per questo che frequentando, tra gli altri, luoghi e personaggi a lui noti, grazie agli affetti familiari, ma che rappresentano un mondo d’altri tempi, riesce a registrare racconti e novelle tratti da vicende capitate nella vita di tutti i giorni. In quel mondo ha raccolto cronache maturate in circostanze particolari ed in periodi storici ormai da tempo trascorsi. I “Nove racconti” non sono riconducibili né alle novelle del Boccaccio né ai racconti del Giusti; né ai racconti di caccia, né ai racconti intorno al fuoco, ma riproducono una selezione di avvenimenti che tratteggiano un mondo ed un’epoca, compresa nel secolo appena terminato, nella quale sono avvenuti, ma che pensandoci bene, Giuliano non vuole ancorare ad un passato molto riconoscibile, ma che si potrebbero applicare a qualsiasi periodo e si potrebbero catalogare come fuori del tempo. I racconti, che ho letto con molto interesse, sono stati una lettura assai piacevole, ma anche fortemente toccante, come ad esempio “La sedia a dondolo”, mentre alcuni racconti sono immaginari e sollecitano la fantasia. Per concludere, i “Nove racconti” possono essere letti, e quindi raccontati, anche ai bambini di oggi che come me allora, amano fantasticare attorno ad accadimenti e fatti interessanti e particolari. Vai al sito