Google+ Giuliano Lenni Weblog: La stagione del cuore

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato Montepulciano | MontepulcianoHotels | Voltaia Immobiliare
Ordine di Malta| L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc

La stagione del cuore



Acquaviva di Montepulciano-Chiesa di San Vittorino
di Carla Bastreghi
E poi arriva il carro funebre della Misericordia, con quattro uomini che conducono la bara di fronte all’altare della chiesa principale del piccolo paese. Là dentro c’è una signora anziana che da molto tempo lottava contro una serie di problemi di salute che alla fine, in un nebbioso pomeriggio autunnale, l’hanno ricondotta al padre. La chiesa è gremita di persone che l’hanno conosciuta durante varie stagioni di vita, tra cui la figlia e l’inconsolabile marito. E ci sono anch’io, una parente che ha condiviso un po’ di strada con la signora che ora non è più. E’ proprio vero che da adulti ci rincontriamo solo in occasioni speciali, ma il funerale è una di quelle opportunità che non hanno niente di felice, se non ripensare alla persona defunta e con questo mantenerla in vita. Il pensiero corre incontro alla mia infanzia, quando abitavo in un grande casolare di campagna con babbo e mamma, circondata da cose e persone che oggi faccio fatica a rammentare se non in qualche ricordo occasionale, che si manifesta sempre come qualcosa che mi stringe lo stomaco e mi lascia per un attimo un po’ così, sospesa tra passato e presente, a ricordare ingenue sensazioni e facce sfuocate. Questa volta però è diverso, non so perché, voglio mettere alla prova la mia memoria e vedere se c’è qualcosa d’inaspettato, cui non avevo mai fatto caso e, durante l’omelia, mi ritrovo nell’ingresso della mia vecchia casa, con il pavimento di mezzane a lisca di pesce e un buon odore di roba buona da mangiare. Ho appena lasciato due delle mie amiche dopo aver fatto un giro in bicicletta alla ricerca di funghi e noci e trovo i miei genitori a scaldarsi di fronte alla stufa. La mattina aveva piovuto e così nessuno dei due era potuto andare al lavoro, la giornata che preferivo. L’odore di roba da mangiare era costituito dal dolce che la mia mamma aveva preparato nel forno e adesso me lo offriva ancora caldo e fumante. Rincorro le sensazioni e ora la mente corre lungo il filo della nostalgia e mi rivedo con Lena a parlare, nelle sere d’estate, al fresco della cantina del seminterrato, dove il caldo estivo era più sopportabile. Vengo ridestata dai miei pensieri quando tutti si alzano in piedi e mi guardo intorno per capire se qualcuno ha percepito i miei ricordi nostalgici e, mentre mi accorgo che un altro pezzo di una mia stagione di vita se n’è andato via, in silenzio, mi asciugo una lacrima.