Google+ Giuliano Lenni Weblog: Quando il Bruscello si cantava nelle Aie! Bertoldo

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato | Aci e Walhalla | MontepulcianoHotels
L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc
___________________________________________________________________

Quando il Bruscello si cantava nelle Aie! Bertoldo



 …a Montepulciano è di nuovo Bruscello. BERTOLDO 
    Quando il Bruscello si cantava nelle Aie!      Sabato 13 settembre 2014
                        
Dopo il successo di Romeo e Giulietta, il Bruscello Poliziano rappresentato in piazza Grande nei giorni di Ferragosto, la Compagnia Popolare del Bruscello di Montepulciano nel proseguire i festeggiamenti per il 75° del Bruscello Poliziano è di nuovo pronta per il prossimo evento, che sarà ospitato in alcune piazze del centro storico Poliziano  Sabato 13 settembre 2014, rievocherà Bertoldo. Un Bruscello questa volta che vuol riprodurre la forma di quello che veniva cantato nelle campagne durante la Quaresima, che era anche il periodo dell’anno nel quale la terra dormiva ed i contadini riposavano non dovendo occuparsi dei campi e dei pesanti lavori che li impegnavano durante il resto dell’anno.
Saranno i Bruscellanti : Roberto De Pascali, Alessandro Zazzaretta, Stefano Bernardini, Franco Capitini, Sabrina Dottori, Elisabetta Canapini, Simone Tremiti, Elena Cappelli, Marco Banini, Stefano Banini, Paolo Parissi e Michele Morgantini che guidati da Franco Romani,  presenteranno alle ore 17 in Piazza Grande, il BRUSCELLO come veniva anticamente rappresentato nelle aie delle nostre campagne. Alle 18, il corteo dei Bruscellanti raggiungerà Piazza delle Erbe seguendo il suono della fisarmonica del Maestro Garosi, per una reprica dello spettacolo e alle 19, sarà Il Sacrato di S. Agostino che chiuderà questa iniziativa originale ripresa dalla Compagnia da alcuni anni, che farà conoscere un pezzo della “nostra storia”. Non mancherà la questua per cercar di raccogliere i fondi necessari per la cena e per un buon bicchiere di vino.
                La Compagnia Popolare del Bruscello, nell’occasione, ha voluto riproporre questa antica forma di Bruscello delle origini da cui deriva il Bruscello Poliziano attuale, quello che rappresentiamo in Piazza Grande dal 1939 nei giorni di Ferragosto, per portare una testimonianza del passato ma anche per mostrare come si evolve una tradizione e per far comprendere che, se il nostro Bruscello, fosse rimasto quello delle origini, la tradizione sarebbe forse scomparsa insieme al Bruscello stesso che invece oggi vive proprio perché si è trasmormato adeguando la sua forma stilistica e musicale  e mantenendo invece i contenuti e la metrica della poesia ad una forma  molto legata alla tradizione.   
Trama

Durante il regno di Alboino, a Verona, Bertoldo un contadino famoso per la sua furberia, accompagnato dal figlio BERTOLDINO, giovane uomo, con un cervello infantile, frequenta le piazze della città e i suoi mercati per vendere i prodotti del proprio orticello. Un giorno incontra Re Alboino, nei confronti del quale, pronuncia parole di aperta critica. Il fatto, insolito, lo rende simpatico al re, e odioso alla Regina. 
Da questo istante la Regina farà di tutto per liberarsi di Bertoldo, anche con la violenza ma il furbo contadino sventerà tutti i tentativi della Sovrana. Frequentando la reggia su invito pressante di Alboino Bertoldino, con i suoi comportamenti infantili suscita tenerezza della sguattera della regina, che lo difende e lo protegge e poi finisce per sposarlo. Odio e amore che si fanno da contrappunto aprono ogni tanto dei quadri burleschi in cui ha la meglio l’astuzia di Bertoldo che supera ogni difficoltà senza trovarsi a disagio, a differenza di Bertoldino, disarmante nella sua dabbenaggine. Sfuggito agli agguati della regina, più volte minacciato di morte, Bertoldo si salva sempre con la sua mente acuta, ma causa l’aria della Reggia e i raffinati cibi che non sono adatti a lui lo costringono ad andarsene e dopo aver dettate le sue volontà e gli ultimi consigli al suo re, torna ai suoi cavoli e alla sua insalata. Profonda saggezza, amore per la libertà, spirito ironico, sono gli ingredienti di questo Bruscello  tratto dal patrimonio popolare.