Google+ Giuliano Lenni Weblog: Chi sarà il prossimo Papa?

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato Montepulciano | MontepulcianoHotels | Voltaia Immobiliare
Ordine di Malta| L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc

Chi sarà il prossimo Papa?





Chi sarà il prossimo Papa? L’annuncio delle dimissioni di Joseph Ratzinger, papa Benedetto XVI, ha scosso il mondo intero. La notizia dell’abbandono del Vescovo di Roma dai suoi incarichi sta facendo scatenare anche i bookmaker che già hanno redatto il possibile toto nomi dei vescovi in lizza per la nuova nomina. La decisione di papa Ratzinger di lasciare il Pontificato il prossimo 28 febbraio 2013 è avvenuta lunedì 11 febbraio, durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto. Ratzinger ha proferito l’annuncio in latino, spiegando di farlo “Per il bene della Chiesa”. Padre Giorgio Lombardi ha commentato in diretta tv la decisione del Papa: “Ci ha preso un po’ di sorpresa. Dobbiamo organizzarci per questo evento. E’ una decisione personale e profonda di fronte al Signore, è stato un esame di coscienza sulle sue forze. Nel corso degli ultimi mesi c’è stato un calo delle forze, e anche noi che l’abbiamo seguito nel suo viaggio, l’abbiamo un po’ notato, un senso di stanchezza e di affaticamento rispetto al passato“. E prosegue: “Nel codice c’è scritto che la decisione di dimissione del papa deve essere fatta in libertà ed espressa liberamente, ma non si richiede invece che qualcuno l’accetti. Il papa ha indicato la data precisa da cui parte la situazione della sede vacante: alle ore 20 del 28 febbraio. Questa dichiarazione è coerente con quanto detto nel libro “Luce nel mondo” dove c’erano due domande precise sull’ipotesi delle dimissioni. In queste pagine il papa affermava che ci si può dimettere in un momento di serenità, e che un papa si può dimettere quando ritenga di non avere più le forze per farlo“. Lombardi infine spiega il prossimo futuro di Joseph Ratzinger: “Il Papa quando inizia la sede vacante si trasferirà a Castel Gandolfo e poi quando saranno terminati i lavori andrà al Monastero delle suore di clausura in Vaticano, dedicandosi alla preghiera e alla riflessione non avendo più i compiti della Chiesa. Non parteciperà al Conclave. Per pasqua, quindi nel mese di marzo, dovrebbe essere eletto il nuovo papa“. La notizia delle dimissioni del papa è già rimbalzata in giro per il mondo, anche grazie a centinaia di tweet, ed i bookmakers esteri non si sono lasciati sfuggire l’occasione aprendo subito le scommesse sul nome del successore di papa Benedetto XVI. Tra i “concorrenti” troviamo il cardinale nigeriano Franciz Arinze (si gioca a 2.80), seguito dal cardinale ghanese Peter Turkson a (3.25) e dal cardinale canadese Marc Ouellet a (6.00). Il primo italiano in graduatoria è il cardinale Tarcisio Bertone a 13.00. Si potrebbe però pensare al cardinale francese Jean Louis Pierre Tauran, 69 anni, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso e protodiacono di Santa Romana Chiesa. Molto amico di Monsignor Ravasi e del cardinale Giovan Battista Re, Tauran è considerato un uomo delle diplomazie. Di tendenze conservatrici - sostenitore della missione ‘di formazione’ della Chiesa – vicino alle posizione di Ratzinger sul ruolo della famiglia, sul no all’unioni omosessuali e all’uso del preservativo. Lontano dalla visione di evangelizzazione di Giovanni Paolo II, il cardinale francese ama mantenere un basso profilo sui media ma spesso ama ripetere di “essere al posto giusto nel momento giusto“. E se invece fosse il Card. Bergoglio?