Google+ Giuliano Lenni Weblog: La carta d’identità del vino con il Carbonio 14

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato Montepulciano | MontepulcianoHotels | Voltaia Immobiliare
Ordine di Malta| L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc

La carta d’identità del vino con il Carbonio 14



Con la tecnica del Carbonio 14 è possibile
anche ottenere la carta d'identità del vino
Con la tecnica del Carbonio 14, usata per datare i reperti archeologici, è possibile anche ottenere la carta d'identità del vino e datare le annate. Del metodo ha parlato a Benevento, nell'ambito dei seminari di astrofisica organizzati dall'università del Sannio, il fisico Antonio D'Onofrio, che dirige il dipartimento di matematica e fisica della Seconda Università di Napoli. L'esperto fa parte del gruppo Circe, il Centro di Ricerche Isotopiche per i Beni Culturali e Ambientali (Circe) di Caserta, dove si effettua la Spettrometria di Massa con Acceleratore (Ams) usata per le datazioni al radiocarbonio. Basata sull'estrazione di un piccolo campione del vino tramite una siringa, quindi salvaguardando il contenuto della bottiglia, ''la tecnica - ha osservato l'esperto - è interessante per le cantine storiche e non solo, perché permette di certificare per esempio le annate delle bottiglie ma anche la provenienza delle uve''. In quest'ultimo caso però ''non si analizza il carbonio 14 - ha spiegato D'Onofrio - bensì gli isotopi di ossigeno che danno l'identikit delle acque assorbite dalle uve, dalle cui caratteristiche è possibile individuare i territori precisi in sui le uve sono state coltivate''. La tecnica, ha proseguito, si può applicare sui vini fino al 1960 perché si basa su un metodo un po' diverso rispetto a quello usato per datare i reperti, che ha un margine di errore di soli sei mesi e non 15 anni e che ha bisogno di conoscere con precisione la frazione con cui il Carbonio 14 è diminuito in atmosfera da oggi fino agli anni '60. Questo perché, ha osservato D'Onofrio, i livelli di carbonio 14 in atmosfera, dove questo isotopo radioattivo del carbonio è continuamente prodotto, sono stati in equilibrio fino agli anni '40 ma poi hanno subito delle variazioni. Con i test nucleari in atmosfera, che producono Carbonio 14, le quantità di questo isotopo sono aumentate per poi calare progressivamente dagli anni'60 in poi con l'abolizione degli esperimenti nucleari in atmosfera, e la tecnica necessita di sapere le frazioni precise di queste diminuzioni. Le tecniche che analizzano gli isotopi, ossia atomi di uno stesso elemento chimico ma con differente numero di massa, possono essere utilizzate anche per ottenere la carta d’identità dei formaggi o delle acque minerali, per esempio in questo caso per capire se l'anidride carbonica che contengono è naturale o viene aggiunta