Google+ Giuliano Lenni Weblog: Montepulciano, scuola sul podio nel concorso su Africa ed educazione

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato Montepulciano | MontepulcianoHotels | Voltaia Immobiliare
Ordine di Malta| L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc

Montepulciano, scuola sul podio nel concorso su Africa ed educazione


A ridosso dell'indipendenza del nuovo Stato africano del Sud Sudan
arriva il premio agli studenti poliziani

Il liceo “A. Poliziano” di Montepulciano ha conquistato il terzo posto per la categoria degli istituti secondari superiori. Delle 70 scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado che hanno partecipato da tutta Italia alla prima edizione del concorso nazionale "Aggiungi un posto in classe... c'è un compagno in più!", alla scuola poliziana è arrivato il terzo piazzamento nella relativa categoria. Promosso dall'associazione CESAR (Coordinamento Enti Solidali a Rumbek) con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, il concorso è stato lanciato durante l'anno scolastico 2010/2011 per sensibilizzare gli studenti al diritto all'istruzione dei coetanei africani del Sud Sudan. La proclamazione dei vincitori del concorso arriva infatti a pochi giorni dalla dichiarazione d'indipendenza che, il 9 luglio nella capitale Juba, vedrà nascere il 54° Stato africano: il Sud Sudan.
Con il video “Coltivare una speranza”, i ragazzi del liceo di Montepulciano hanno saputo condensare la cura nello stile fotografico e il montaggio con il messaggio filo conduttore del concorso: l'importanza dell'istruzione, diritto spesso dato per scontato ma essenziale per lo sviluppo della società. Un tema, quello dell'istruzione e dello sviluppo, a cui mons. Cesare Mazzolari ha dedicato gli ultimi 30 anni della sua vita. Bresciano d'origine e continuatore dell'opera di Daniele Comboni in quella terra che il santo identificava come Nigrizia, mons. Mazzolari oggi è vescovo della diocesi di Rumbek in Sud Sudan. "L'educazione è un privilegio che i ragazzi sud sudanesi raramente possono permettersi – spiega mons. Mazzolari -. Grazie a questo progetto gli studenti italiani hanno potuto riflettere sul valore della formazione, entrando in contatto con la realtà del sistema educativo del Sud Sudan, bisognoso di supporto per crescere e formare la classe dirigente del futuro". Nel progetto di scolarizzazione rientra la costruzione del primo centro di formazione per insegnanti del Sud Sudan, che avrà sede a Cuiebet, località a 80 km da Rumbek. Un vero e proprio istituto magistrale che ogni anno formerà 30 docenti in grado di dare un'istruzione di base a oltre 5 mila bambini nei primi cinque anni di attività. Dal 2000 mons. Mazzolari ha fondato la onlus CESAR (www.cesarsudan.org), che supporta le iniziative solidali costituendo un anello di congiunzione tra i donatori italiani e la terra sud sudanese. L'opera del vescovo di Rumbek è racchiusa nella biografia “Un Vangelo per l'Africa” (Lindau) scritta dal giornalista Lorenzo Fazzini. In libreria dal 7 luglio, i proventi saranno interamente devoluti a sostegno dei progetti di CESAR in Sud Sudan. La premiazione dei lavori vincitori della prima edizione del concorso scuole si terrà il 7 ottobre 2011 a Roma all'Auditorium dell'I.T.I.S. Galileo Galilei. Alla cerimonia saranno presenti, tra le autorità, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il dirigente del MIUR, Antonio Lo Bello e membri dei Rai Educational, media partner dell'iniziativa. Maggiori informazioni sul blog del concorso: http://aggiungiunpostoinclasse.cesarsudan.org