Google+ Giuliano Lenni Weblog: Tecnica, professionalità, creatività: Laura Mangiavacchi dal web al Bravìo delle Botti

Giuliano Lenni è nato e vive a Montepulciano con la moglie Carla e la figlia Agnese
Ragioniere, ex Ufficiale dell'Aeronautica Militare e Cavaliere della Repubblica
si occupa di attività imprenditoriali e culturali e di scrittura

Hotel Granducato | Aci e Walhalla | MontepulcianoHotels
L'Albergatore Informa |
Lions Club Valdichiana I Chiari
Una Divisa per Amico | Associazione Arma Aeronautica | Anioc
___________________________________________________________________

Tecnica, professionalità, creatività: Laura Mangiavacchi dal web al Bravìo delle Botti

Laura Mangiavacchi è una giovane artista e professionista della grafica, nata a Montepulciano. Nel 2008 ha conosciuto una grande notorietà, autenticamente internazionale, per aver firmato la serie di francobolli “La Svizzera vista dagli artisti stranieri” emessa dalla Posta dello stato d’oltralpe.
Da sabato 4 dicembre al 31 gennaio 2011 le realizzazioni di Laura Mangiavacchi saranno esposte al Museo Civico per la mostra “Tasselli. Esperienze da ricomporre”.
Diplomata all’Istituto d’Arte, specializzata prima in design del prodotto e successivamente in design della comunicazione, Laura Mangiavacchi è ora titolare di una società che si occupa di comunicazione e grafica pubblicitaria, in particolare sulla rete web.

Ma la sua ispirazione spazia attraverso vari campi come ha dimostrato l’importante incarico assegnato dalle poste svizzere. Nel 2009 l’artista ha firmato il primo francobollo in braille emesso dalla Città del Vaticano per celebrare la nascita dell’inventore di questo sistema di lettura per non vedenti.

Nello stesso anno il Comune di Montepulciano le ha conferito l’incarico per la realizzazione del panno del “Bravìo delle Botti”, dedicato ai 50 anni dell’AVIS ed ai 70 del Bruscello. Anche per quell’opera, che ha riscosso gradimento unanime e forte ammirazione, l’autrice ha messo in gioco esperienza professionale ed attitudini personali così da utilizzare tecniche pittoriche miste e sperimentare materiali diversi (inserti in vetro dipinto e sabbia) che sono andati a formare il pregevole drappellone.

Le tracce di queste ed altre esperienze artistiche e professionali andranno a comporre la mostra che da il via ad una rassegna dedicata dal Comune agli artisti di Montepulciano che operano prevalentemente al di fuori del territorio.